Il 4Runner non ha una predisposizione di serie per portapacchi, credo fossero disponibili come optional le barre longitudinali (o corrimano), se non sono presenti si possono usare delle staffe da attaccare sulla battuta delle portiere. In entrmbi i casi la solidità è tutta un altra cosa!

Sarebbe molto bello avere dei "binari" per poter attaccare in modo solido e veloce barre portatutto, bagagliera, tenda "maggiolina" ecc. In commercio esistono binari di questo tipo (rails rack), i più famosi sono i Rhino oppure quelli "rapidi" per le zone di carico, entrambi studiati per carichi molto pesanti.

Ci sono però alcuni problemi, il tetto del 4Runner non è piatto ma è curvato sia in senso longitudinale che trasversale, inoltre non è così "solido", soprattuto se dotato di tettuccio apribile come nel mio caso. Secondo me non ha senso spendere parecchi soldi per dei binari super robusti per poi fissarli su un tetto "fragile". Inoltre la rigidità di questi binari e la curvatura del tetto complicano parecchio le cose.

Ho quindi scelto per una soluzione molto alternativa, usare un profilo in alluminio nato per altri usi, che fosse economico, resistente quanto delle comuni barre portatutto e abbastanza flesibile da poter seguire la curvatura del tetto.

La ricerca non è stata facile, nei profili di alluminio "standard" non ho trovato nulla di utilizzabile, in campo industriale ci sono i Bosch Rexroth o prodotti similari molto robusti ma poco indicati per essere fissati ad un tetto. In campo "casalingo" ho vagliato binari da tende e da porte scorrevoli ma anche qui per un motivo o per l'altro nulla di facilmente utilizzabile. Poi in un brico mi sono imbattuto in un catalogo della ditta Alfer che produce profili in alluminio per uso hobbistico.

I profili della serie Coaxis sembrano fatti apposta, scrivo alla casa dove poter acquistare i loro prodotti e nel giro di mezzora ho la lista dei rivenditori nella mia zona.

La cava dove si fisseranno gli "accessori" è forse un po piccola e permette di usare al massimo bulloni M5, secondo me non è un problema, a patto di ripartire lo sforzo una superfice più ampia possibile ed utilizzare un maggior numero di bulloni. Ma di questo me ne occuperò più avanti.

Per fissare i binari bisogna necesariamente bucare il tetto e quindi va smontato tutto il rivestimento interno. Ho usato nastro di carta per segnare più riferimenti possibili e trovare il posizionamento migliore ed ho scoperto che il tetto non è un rettangolo, mettendo i binari paralleli non seguirebbero le "grondaie" sul tetto e sarebbe esteticamente brutto. Quindi li ho fissati seguendo le linee del tetto e da davanti a dietro si aprono di circa due centrimetri.

Per il primo buco serve un po di coraggio, poi gli altri vengono praticamente da soli, a fine lavoro ne ho contati 38!! forse ho esagerato, ma è stata una scelta ponderata, il tetto è praticamente una semisfera, è curvato in tutte le direzioni, per questo ho scelto un profilo in alluminio un po cedevole, in modo da poterlo "plasmare" per farlo aderire bene. Ho eseguito una serie di fissaggi da entrambi i lati della scanalatura del profilo, in pratica è montato con una leggera torsione ed una leggera curvatura.
I bulloni sono M5, quindi decisamente piccoli (inox ovviamente) ma essendo tanti dovrebbero ripartire bene gli sforzi, anche perché il "supporto" è della semplice lamiera, la distanza massima tra i bulloni è 9cm e sono messi a coppie distanti 3cm tra loro.

 

 

La lunghezza totale dei binari è 150cm (149 per la precisione) non ho trovato i profili lunghi 150cm (esistono ma qui è già stata dura trovare quelli da metro) quindi ho accostato un pezzo da metro ed uno da mezzo ricavato tagliando a metà un altro pezzo da metro. (ed è qui che ho perso 1cm, perchè a metà profilo c'era un foro e ne ho tolto una fetta per avere un taglio pulito)

La mia macchina ha il tettuccio apribile, la "vasca" arriva fino alla fine della portiera posteriore, il vetro del tettuccio passa molto vicino al tetto, quindi non si possono usare bulloni. (con il senno di poi un po di spazio volendo c'è ma è difficile da quantificare in modo preciso). Visto che la parte posteriore è molto più accessibile ho messo il pezzo corto dietro ed il pezzo lungo davanti, in modo da fissarne metà con i bulloni e la metà sopra al meccanismo del tettuccio con rivetti (messi da sotto).

  

Riassumendo partendo da dietro ho:
un profilo da 49cm fissato con 6 bulloni M5
un profilo da 1 metro fissato con 6 bulloni M5 e 7 rivetti da 4,8mm

Nella parte inferiore per ogni bullone ho messo una rondella maggiorata 6x24, una rondella 5x15 ed un dado autoblocante. Per i rivetti solo la rondella 5x15. Prima del fissaggio definitivo ogni parte è stata cosparsa di mastice igroindurente anticorrosivo specifico per lamierati, il Sika Bond AT Metal (attorno ad ogni buco, sotto ai bulloni e su ogni faccia delle rondelle). Non ho volutamente "siliconato" tutto il profilo per evitare ristagni d'acqua, in pratica può trafilare tra tetto e binario fino ad arrivare alle grondaie originali (ammesso che riesca a passarci, ma direi che l'acqua si infila ovunque..).

 

Inizialmente volevo fare anche delle contropiastre da mettere sotto, al posto delle rondelle, ma dopo il fissaggio di prova ho desistito. Forse avrebbe senso fare delle piastre che uniscano i due lati opposti del tetto per impedire che sotto il peso possa deformarsi. ma tanto non prevedo di caricare molto peso. E qui qualcuno potrebbe chiedere "allora perché hai sventrato mezza macchina e l'hai crivellata di buchi in stile attacco mafioso?" l'ho fatto perché volevo avere la possibilità in futuro di montare barre o portapacchi per trasporti vari e visto che "dovevo" togliere il cielo del tetto per cambiarlo (ultimo pezzo degli interni rimasto marrone) era una buona occasione per fare un lavoro come si deve.

Mancano solo le rifiniture e qualcosa da fissarci sopra ma la sostanza c'è!!

 

 

Con il senno di poi per aumentare la capacita' di carico e minimizzare la flessione avrei potuto mettere nel sottotetto delle barre trasversali. Ho quindi comprato delle barre di alluminio lunghe 1 metro per fare anche questa modifica.
Il fissaggio dei binari è molto vicino a dove il tetto "curva" per diventare fiancata quindi le barre si trovano ad avere gli estremi proprio sulla parte curva ed è difficile piegarle e farle aderire bene. Ho provato ad usare due barre larghe 40 mm spesse 2 mm sovrapposte ed "incollate" tra loro. Essendo messe ad arco una volta bloccate (non potendo scorrere l'una sull'altra) dovrebbero rimanere belle solide.

Ho fatto solo la prima, dovi inizia il tettuccio, il punto del tetto dove premendo si ha la deformazione maggiore. Hanno portato benefici, ma non tanto quanto pensavo. in compenso è un lavoraccio quindi dichiaro il lavoro di "rinforzo" finito. Forse l'unica parte che meriterebbe un rinforzo è quella dove rimane il tettuccio, ed anche un po di isolante acustico autoadesivo non guasterebbe, in quella zona non c'è nulla!! ma dovrei smontarlo per la terza volta quindi...

Osservando il tetto si vede bene come i binari siano un po troppo corti, ma con il tettuccio apribile c'è poco da fare. Però tra parabrezza e tettuccio c'è ancora una striscia di tetto sfruttabile, basterebbero un paio di supporti per poter fissare la parte anteriore di un eventuale bagagliera che copra tutto il tetto.

In questa zona il tetto è ancora più curvo, ci vorrebbe una specie di "torretta" o qualcosa di simile. Non ho trovato nulla di già fatto, quindi ho realizzato un paio di piastre in inox con sopra due cilindri forati e filettati. Sarebbe stato bello farli incassati nel tetto, in modo da rimanere a filo, ma per ora può andar bene anche così, magari quando rivernicerò il tetto ci farò un pensiero.

I cilindri filettati (sempre inox) li ho ricavati da dei golfari, molto più comodo e veloce che farli da zero.