Il giro di manutenzione è arrivato ai semiassi anteriori, due cuffie rotte su quattro, quindi ho deciso di rimuovere i semiassi per poter sostituire le cuffie. Esistono anche cuffie "aperte" che si montano (incolandole) senza smontare nulla, ma devono essere montate in modo perfetto e senza un ponte per sollevare l'auto è difficile lavorare in quela zona, quindi ho preferito rimanere sul classico e smontare tutto.

Il lavoro l'ho fatto all'aperto, si riesce a rimuove i semiassi senza nemmeno togliere le ruote, ma è un lavoro lungo. Per rimuoverli entrambi e rimettere tutto a posto per poter usare la macchina (con la sola trazione posteriore) ho impiegato quattro ore ma non lo avevo mai fatto prima ed ho perso un po di tempo per capire il metodo giusto, infatti una settimana dopo quando li ho rimessi a posto ho impiegato "solo" tre ore, ovviamente lavorando dasolo e sdraiato perterra, quindi nelle condizioni peggiori.

Illusto a grandi linee il procedimento, in modo da velocizzare le operazioni per chi vuole provare da solo.

 

Cominciamo smontando il mozzo anteriore, con una chiave da 12 mm rimuoviamo i sei dadi ciechi e le sei rondelle grower sottostanti, questi dadi premono dei coni che si piantano tra i prigionieri ed il trascinatore. Sul trascinatore ci sono due fori filettati M8 che si possono usare come estrattore, basta avvitarci due bulloni quel tanto che basta da far muovere appena il trascinatore dal mozzo, a questo punto si tolgono i due bulloni, con un colpetto si riavvicina il trascinatore ed i coni dovrebbero essere liberi di uscire. Rimuoviamo il cappuccio centrale facendo leva sul bordo con un cacciavite. Sotto a questo si trova la punta del semiasse, rimuoviamo il bullone centrale per poter sfilare il trascinatore.

Per impedire che il semiasse si possa sfilare c'è un anello elastico a C inserito in una cava. Per rimuoverlo si usa una pinza per anelli seeger o con un po di fatica in più una pinza a becchi sottili. (utile anche un piccolo cacciavite a taglio).

Per permettere al semiasse di uscire dovremo fare un po di spazio, quindi smontiamo l'attacco superiore dell'ammortizzatore e quello inferiore della barra antirollio (si trova incassato nel trapezio inferiore), per entrambi chiave da 14 mm. Soprattutto per la barra antirollio viene comoda una bussolo lunga da 14 mm o una chiave a tubo.

Ora smontiamo l'altro lato del semiasse, qui è più veloce, c'è una flangia con 6 dadi da 17 mm, ruotiamo a mano il semiasse in modo da avere due dadi in una posizione comoda per arrivarci con la chiave, quindi rimettiamo il trascinatore sul mozzo per tenerlo fermo, basta solo inserirlo senza mettere i dadi. (ovviamente con la ruota appoggiata a terra). Tolti i primi due dadi, togliamo il trascinatore e ruotiamo il semiasse per lavorare su altri due e avanti così fino a toglierli tutti e sei.

Ora in teoria il semiasse è libero di uscire, ho perso un po di tempo per cercare di farlo uscire senza smontare altra roba  ma non c'è verso. La soluzione più comoda che ho trovato (almeno per me) consiste nello smontare la testina di sterzo inferiore per poter abbassare il trapezio. In questo modo ho potuto fare il lavoro lasciando la macchina sulle sue ruote. Allentiamo quindi i quattro bulloni da 14 mm sotto la testina. Ora alzando un po la macchina e tirando il trapezio verso il basso il semiasse ha lo spazio per uscire, bisogna anche tirare la ruota verso il posteriore, altrimenti il semiasse tocca nell'ammortizzatore. (oppure si può togliere anche l'ammortizzaore). Il trapezio inizialmente sarà un po duro da abbassare perché le sue boccole in gomma faranno un po "da molla". Per rimontare la testina è difficile spingerla e centralla, quindi si può usare l'ammortizzatore come "tirante", avvitando pian piano il dado in modo da avvicinare il trapezio.