Appena presa sono partito con il classico tagliando, per prima cosa ho puliti i carburatori, cambiato olio e candela e l'ho fatta ripartire. Testato il funzionamento generale ho cominciato a smontare le plastiche per dargli una pulita.

Nonostante l'evidente stato di abbandono della moto il telaio presentava solo qualche punto di ruggine in prossimità delle saldature, con un po di pazienza ed una bomboletta di vernice spray si sarebbe potuto ottenere un risultato più che accettabile vista la destinazione d'uso del mezzo. Nelle foto si può vedere un tentativo di ripristino a bomboletta effettuato sul telaietto posteriore.

Una cosa tira l'altra ed alla fine mi sono trovato con il telaio quasi nudo, con il solo motore all'interno. Arrivato a questo punto fare un lavoro come si deve è d'obbligo, anche perché il passo da compiere è davvero breve!

Purtroppo non ho la possibilità di effettuare sabbiature, quindi piuttosto che portarlo a far sabbiare (anche per risparmiare tempo e denaro) mi sono armato di olio di gomito ed ho cominciato a sverniciare con trapano e spazzola metallica per poi passare ad uno sverniciatore chimico in gel.

Il passo seguente consiste nella riverniciatura effettuata con fondo acrilico, base opaca e trasparente lucido in varie mani, il tutto spruzzato rigorosamente con compressore e relativa pistola. Nelle foto si vede il telaio ancora privo del trasparente ed a seguire il lavoro finito.