In questo articolo cercherò di riassumere un pò di concetti base sul funzionamento delle inieziioni elettroniche effettuando una panoramica sui vari componenti che possiamo incontrare, sulle diverse tipologie e sul loro funzionamento. Le parti riguardandi l'accensione le trovate nell'articolo "Accensioni, queste sconosciute".

Sensore di portata d'aria

Questo è uno dei sensori più importanti, grazie a questo la centralina misura (direttamente o indirettamente) la quantità d'aria che sta entrando nel motore. Ne esistono vari tipi:

AFM - Il flusso d'aria muove uno sportellino colegato ad un potenziometro, è forse il primo sistema utilizzato, come svantagio ha un inerzia propria e frena il flusso d'aria.

MAF - Evoluzione dell'AFM, chiamato anche Debimetro a Filo caldo, nel condotto d'aspirazione viene inserito un piccolo filo (o film) resistivo pilotato in modo molto preciso da un circuito elettronico. L'aria passando nel condotto raffredda il filo, misurandone la temperatura si stabilisce quanta aria sta passando nel condotto.

MAP - In questo caso si misura la pressione (o depressione) nel condotto e da questa si calcola la portata d'aria. In questo la centraina non ha un informazione diretta.

Sensore di Posizione Farfalla

Serve alla centralina per sapere cosa sta facendo il guidatore, per esempio se ha il pedale del gas tutto premuto o se è in rilascio. Solitamente è un potenziometro collegato direttamente all'asse del corpo farfallato. Su vecchi sistemi poù essere sostituito da uno o sue interruttori che servono solitamente per attivare il circuito di regolazione del minimo e per determinare la condizione di "FULL GAS" (a cui sono associate particolari regolazioni).

Temperatura Aria aspirata

IAT - Questo sensore è importante per valutare la dilatazione dell'aria e quindi in sostanza quanto ossigeno sta effettivamente aspirando il motore.

Temperatura motore

Solitamente situato nel cirtuico di raffreddamento, serve per capire se il motore è a regime o se è necessario "tirare l'aria".

Sonda Lambda

Questo è l'unico sensore di retroazione disponibile, controlla la quantità di ossigeno rimasta nei gas di scarico da cui si può determinare il rapporto stechiometrico della miscela.

Iniettori

Si occupano di spruzzare benzina, può essercene uno unico (Monopoint) o uno per cilindro (Multipoint). Quando ce ne sono più di uno possono essere pilotati tutti assieme (Full-Group), a coppie di due/tre (Semi-sequenziale) o singolarmente (Sequenziale e Sequenziale Fasata se i tempi di iniezione cambiano da cilindro a cilindro).

 

Continua...  (prima o poi)