La pompa posteriore della mia moto è ormai inservibile, qualcuno in precedenza ha provato a revisionarla ma con scarsi risultati (mi è arrivata priva del pistoncino interno). Esperienze passate con pompe simili usate sui Guzzi mi hanno insegnato che anche revisionandole difficilmente tornano a funzionare come si deve, quindi ho scelto per la sostituzione. E qui sono iniziati i problemi, cerco un po sul web, ma di pompe posteriori per Elefant se ne trovano poche. Nel "cassetto" ho un paio di pompe Guzzi, ma so già che non possono essere compatibili, perché sono sicuramente più grosse visto che servono due pinze, la posteriore e l'anteriore sinistra.

Prendo il codice stampato sulla pompa 10.2934.00 e cerco un po nella rete, l'idea è trovare un altra moto "più comune" che utilizza lo stesso tipo di pompa, e qui si apre un mondo nuovo, prima di tutto scopro che quel codice significa tutto e niente, perché è lo stesso stampato sulle pompe Guzzi (che però sono sensibilmente diverse, vedi foto). Scopro che la pompa in questione è il modello Brembo R50 (interasse fori 50 mm) ed esiste, o meglio esisteva, in varie versioni, in teoria ognuna con il suo bel codice identificativo.

Codice - Diametro - Note

10.2933.30 12mm (short-nose)
10.2933.50 11mm 
10.3006.20 15mm (BMW) 
10.3006.30 15mm (Guzzi serie piccola) 
10.3672.10 12mm Serie Oro
10.3673.10 15mm Serie Oro

10.3674.10 17mm Serie Oro 
10.4087.10 14mm (BMW) 
10.4776.65 16mm (unico modello ancora disponibile)

 

L'unico modello ancora in produzione o comunque facilmente reperibile anche di seconda mano è quello con pistoncino da 16 mm, usato su Guzzi anche abbastanza recenti, come la Nevada 750. E qui un osservatore attento potrebbe dire, "Ma la Nevada 750 non ha il partitore di frenata, la pompa posteriore comanda solo la pinza posteriore, la pinza è sempre la stessa, com'è possibile che la pompa sia sempre da 16 e non più piccola?". Girando la domanda al mio caso, cosa succede se monto una pompa da 16 mm al posto di una da 12 mm ? La risposta è abbastanza semplice, i freni funzionano con il principio di Pascal o Torchio Idraulico. Quindi aumentando la sezione del pistone avremo una leva più sfavorevole, cioè una corsa del pedale più corta e la necessità di applicare più forza per ottenere la stessa frenata. Tutto questo porta ad una modulabilità quasi nulla ed alla sensazione di "non frenare". Si può però "aggiustare" la corsa del pedale e la relativa forza lavorando sul leveraggio tra pedale e pistoncino pompa, ed è probabilmente ciò che ha fatto la Guzzi sulla Nevada.

In foto si vedono due versioni del leveraggio tra pedale e pompa, sui primi modelli prodotti era diverso e venne sostituito per migliorare il feeling. Ho fatto i calcoli per trovare la giusta lunghezza per compensare la nuova pompa, ma ovviamente "la misura migliore è quella che non ci sta" ed il leveraggio (molto più lungo) scontra contro il perno della leva d'avviamento. Proverò inizialmente con una via di mezzo e poi deciderò il dafarsi.


Ad un mercatino ho trovato una pompa Bimota, non so di quale modello, ma è una short-nose proprio come quella elefant ed il pistoncino è da 12mm. L'unica differenza è nel leveraggio, sostituibile in meno di un minuto. Per ora monterò questa, anche se l'anno di produzione (1978) non fa ben sperare...


Visto che mi sono fatto una cultura sulla produzione Brembo aggiungo un po di dettagli sugli altri componenti usati sull'Elefant 750.

Pinza anteriore
Brembo P431C - 4 pistoncini da 32 mm - Interasse fori 102 mm
Questa pinza esiste solo sinistra, colore nero codice 20.4603.10 oppure lucidata codice 20.4603.30
Utilizzata solo sulle Cagiva Elefant 650/750 '85-'87 e sulle Ducati Indiana. Veniva anche venduta in un Kit di conversione per Harley-Davidson codice 50.HD0.320

Pinza posteriore
Brembo P32F - 2 pistoncini da 32 mm - Interasse fori 84 mm
Pinza molto comune, usata come pinza posteriore di primo equipaggiamento su molte Guzzi e Ducati anni '90.

Pompa posteriore
Brembo R50 - Pistoncino da 12 mm - Interasse fori 50 mm - Serbatoio olio separato.
Prodotta in versione "long-nose" & "short-nose" , la maggior parte dei modelli sono fuori produzione. Usata negli anni '80 su molte Bimota, BMW, Cagiva, Ducati e Guzzi.